Avviso Convocazione Direttivo Lilt – Venerdì 2 ottobre ore 18.30

 

Si avvisa che in data 02 Ottobre 2020 ore 18,30, a causa
del perdurare della situazione di emergenza Covid19, si terrà la riunione del Consiglio direttivo con modalità remota attraverso apposita piattaforma telematica. A tal fine vi verrà inviato tramite mail un link al quale collegarsi.
Il Consiglio Direttivo si riunirà per discutere e deliberare sul seguente OdG:
1) Approvazione Bilancio di Previsione 2021.
2) Comunicazioni campagna Nastro Rosa 2020
Precedentemente era già stata inviata mail per consenso ad effettuare riunione a distanza.

Il PRESIDENTE

Convocazione Assemblea dei soci – Venerdì 2 ottobre ore 19,30

Si avvisa che in data 02 Ottobre 2020 alle ore 19,30, a causa del perdurare della situazione di emergenza Covid19, si terrà la riunione dell’Assemblea dei Soci , in seconda convocazione, con modalità remota attraverso apposita piattaforma telematica.

A tal fine vi verrà inviato tramite mail un link al quale collegarsi. L’assemblea dei soci si riunirà per discutere e deliberare sul seguente OdG:

1) Approvazione Bilancio di Previsione 2021.

Tale avviso è stato affisso presso i locali della nostra sede in Crotone alla Via Botteghelle 20.

Il PRESIDENTE

Prevenzione oncologica, patto tra Lilt Crotone e Sap

convenzione sapUn’importante convenzione è stata siglata, nei giorni scorsi,tra la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori, sezione provinciale di Crotone, e il S.A.P. ( Sindacato Autonomo di Polizia), Segreteria Provinciale di Crotone. Da questo momento Sap e Lilt Crotone avvieranno un percorso comune che ha come fine la prevenzione oncologica e che va dalla sensibilizzazione alla diagnosi precoce.
La convenzione prevede il tesseramento di ciascuno degli associati al sindacato in Lilt e la partecipazione degli stessi alle politiche di prevenzione che la sezione mette in atto.
“L’obiettivo che la segreteria provinciale del Sap di Crotone vuole raggiungere – ha dichiarato Giuseppe Veltri, segretario aggiunto provinciale Sap –è il benessere del personale della polizia di stato, ecco perché l’accordo siglato con la Lilt era per noi di fondamentale importanza. L’esposizione a cui è sottoposto il personale di polizia, in termini di interventi sul territorio e tipologie di reato, fa sì che la prevenzione sanitaria venga posta tra le priorità del proprio vissuto quotidiano. Con le iniziative nazionali e locali della Lilt dimostreremo tangibilmente di prenderci cura dei nostri iscritti.”
“Si tratta di una sinergia molto importante per noi – ha sottolineato Patrizia Pagliuso, presidente della sezione provinciale di Crotone della Lega tumori- per battere i tumori sul nostro territorio bisogna fare squadra. Da anni stiamo siglando protocolli e convenzioni con associazioni della nostra realtà per portare avanti la prevenzione oncologica che è fondamentale per giocare d’anticipo nella lotta ai tumori. Il patto siglato con Sap è un ulteriore tassello che arricchisce questo percorso”.

Se hai cara la pelle….LITL E’ CON TE

Se hai cara la pelle… tesserati con noi della Lilt.
Screening dermatologico per prevenire il melanoma per chi si tessererà per la prima volta o per chi rinnova la tessera della Lilt Crotone.
Per chi volesse tesserarsi, e accedere allo screening , ci si può prenotare esclusivamente contattando la nostra segreteria , allo 0962901594, giovedì 25 giugno, dalle 16,30 alle 19. I posti disponibili sono limitati e soggetti ad esaurimento.

Giornata mondiale senza tabacco, il progetto Lilt Smoking free School combatte il tabagismo con l’arte

Crotone. L’emergenza coronavirus non ferma il progetto di ricerca scientifica della Lega tumori denominato “Lilt smoking free school”. Il 31 maggio, Giornata mondiale senza tabacco, gli studenti dell’ Istituto Nautico Mario Ciliberto diCrotone, dell’Iti Panella di Reggio Calabria e del Liceo Artistico Russoli, sedi di Cascina e Pisa, hanno messo su una campagna di sensibilizzazione, con un video, che girerà su media e social, che è il risultato della sinergia tra le tre istituzioni scolastiche, e che vuole ricordare a tutti l’importanza della lotta al tabagismo. Il fumo rappresenta ad oggi, nel mondo, la causa principale del cancro al polmone, con circa 7 milioni di decessi all’anno nel mondo. Il progetto Lilt smoking free school, finanziato dal bando 5 X 1000 della Lilt nazionale, ideato dalla sezione provinciale di Crotone, capofila, in partnership con le sezioni Lilt di Reggio Calabria e Pisa, in collaborazione con Link Campus University, ha preso il via lo scorso settembre, nei tre istituti individuati. La sua durata è biennale e  quello appena concluso è il primo step.
 
 
Il progetto promuove percorsi di comunicazione, informazione, peer Education e disassuefazione, tutti finalizzati a contrastare il tabagismo nel microcosmo scolastico. Gli studenti, nel corso dell’anno, hanno frequentato incontri con esperti (pneumologi, oncologici, nutrizionisti ecc) sui danni che il fumo causa, hanno partecipato a incontri di Fitwalking, la camminata veloce inventata dai gemelli olimpionici Maurizio e Giorgio Damilano, e, in contemporanea, hanno frequentato dei laboratori artistici, per mettere in piedi la campagna- evento in occasione del 31 maggio, Giornata mondiale senza tabacco. L’evento avrebbe dovuto svolgersi a scuola,a causa dell’emergenza coronavirus, sarà mediatico. In ogni istituto, inoltre,per tutto l’anno, un gruppo simbolo di adulti della comunità scolastica (docenti o ATA) ha costituito un modello e uno sprone per i ragazzi, frequentando un percorso di disassuefazione, tenuto da psicologi e allenatori di Fitwalking.
 
Il video, intitolato “L’ultimo pacchetto” realizzato per il 31 maggio è la somma delle esperienze artistiche maturate dagli studenti dei tre territori coinvolti. Si tratta di un monologo recitato dall’attrice crotonese Antonia Gualtieri dell’Accademia Kroma, che ha seguito gli studenti crotonesi insieme a Marco Pupa. Il testo originale è stato scritto dalla reggina Katia Colica, scrittrice e giornalista. “il testo – ha spiegato Colica, che ha lavorato con i gli studenti di Reggio Calabria- è scaturito dall’incontro con i ragazzi. Soprattutto alcuni di loro si sono messi in gioco raccontando quanto il fumo in famiglia, unito alla comunicazione distorta dei media, abbiano contribuito a far nascere in loro l’idea del “fumatore come persona migliore”. Quando abbiamo cercato di approfondire qual era la caratteristica dei fumatori che a loro piaceva di meno, più del pericolo di vita o del rischio malattie si è fatta spazio quella connessa al cattivo odore addosso.Così è nato questo piccolo monologo, reso possibile esclusivamente dalla sensibilità dei ragazzi che, anche se spesso volutamente celata e ben protetta, è emersa dai loro preziosi ricordi, spesso dolorosi, che hanno ritenuto di regalarmi”. La grafica invece è stata eleborata dagli studenti di Pisa.

DOCUMENTO TECNICO SULLE MISURE CONTENITIVE PER LO SVOLGIMENTO DELL’ALLENAMENTO

PREMESSA

Il periodo di emergenza sanitaria connessa alla pandemia da SARS-CoV-2 ha portato alla necessità di adottare importanti azioni contenitive che hanno richiesto la sospensione temporanea della nostra attività.
L’urgenza di tale decisione risiedeva nell’esigenza di favorire un immediato distanziamento fisico tra le persone, quale elemento cardine per contrastare la circolazione del virus SARS-CoV-2 nella popolazione, in considerazione delle caratteristiche intrinseche di prossimità e aggregazione delle attività di apprendimento in ambito sportivo ed in particolare degli sport di gruppo.
Al fine di riprendere gli allenamenti garantendo agli associati continuità di un servizio ritenuto anche dall’OMS essenziale nella prevenzione di svariate patologie, di cui gran parte concausa di tumore, nonché sostanziale nel sostegno psicologico del paziente oncologico, si propone il presente documento tecnico con l’obiettivo di fornire elementi informativi e indicazioni operative per la tutela della salute e della sicurezza dei partecipanti.
Il documento che segue indica le misure organizzative, di prevenzione e protezione, nonché le semplici regole per l’utenza per lo svolgimento dell’allenamento in sicurezza rispetto all’attuale situazione epidemiologica ed alle conoscenze scientifiche maturate al 13 maggio 2020.
Fermi restando i punti imprescindibili sulla rimodulazione delle misure contenitive che riguardano l’impatto sul controllo dell’epidemia, è opportuno sottolineare che le decisioni dovranno essere preventivamente analizzate in base all’evoluzione della dinamica epidemiologica (con riferimento ai dati ISS), anche tenuto conto delle raccomandazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità che prevedono che il rilascio di misure di contenimento sia progressivo.

PROPOSTA DI MISURE DI SISTEMA, ORGANIZZATIVE E DI PREVENZIONE

 Ciascuno è responsabile in toto della propria igiene e della disinfezione dell’attrezzatura che utilizzerà, che non è in alcun modo interscambiabile tra partecipanti.

È necessario che ciascuno sia munito sempre di

  • un prodotto di soluzione idroalcolica personale per l’igiene frequente delle mani;
  • mascherina;
  • fazzolettini di carta;
  • acqua;
  • autocertificazione e scarico delle responsabilità (vedi Allegato 1) che consegnerà all’istruttore PRIMA dell’inizio dell’allenamento.

Misure organizzative

Ciascun partecipante dovrà dichiarare:

  • l’assenza di sintomatologia respiratoria o di febbre superiore a 37.5°C nel giorno di allenamento e nei tre giorni precedenti;
  • di non essere stato in quarantena o isolamento domiciliare negli ultimi 14 giorni;
  • di non essere stato a contatto con persone positive, per quanto di propria conoscenza, negli ultimi 14 giorni.

Gli allenamenti sono da ritenersi aperti ai soli tesserati Lilt che abbiano preventivamente sottoscritto una polizza assicurativa singola in Fidal, ed esclude qualsivoglia forma di accompagnatori o partecipanti esterni.

E’ TASSATIVAMENTE PRECLUSA LA PARTECIPAZIONE AGLI ALLENAMENTI IN MANCANZA DELLE CARATTERISTICHE E DELLA CONSEGNA PREVENTIVA DEL MODULO DI AUTICERTIFICAZIONE SOPRA CITATI.

Al fine di evitare ogni possibilità di assembramento i partecipanti verranno suddivisi a rotazione in due gruppi distanziati l’uno dall’altro circa 500mt e, all’interno di ciascun gruppo, ciascun partecipante si fa garante di rispettare il distanziamento di 2mt dagli altri, pena l’allontanamento immediato dal gruppo e il veto a partecipare agli allenamenti.  Al fine di poter predisporre i gruppi, i membri verranno preavvisati dell’allenamento almeno 4ore prima dell’inizio e dovranno comunicare almeno un’ora prima l’eventuale partecipazione.

All’atto della presentazione ricordiamo che il partecipante dovrà produrre l’autodichiarazione in Allegato 1.

Nel caso in cui per il partecipante sussista una delle condizioni in tale certificazione riportate, lo stesso non dovrà presentarsi all’allenamento avvisando l’istruttore laddove avesse già prenotato.

I partecipanti dovranno indossare la mascherina chirurgica o di comunità di propria dotazione solo nei tempi non inerenti l’espletamento dell’attività sportiva; si definiscono mascherine di comunità “mascherine monouso o mascherine lavabili, anche auto-prodotte, in materiali multistrato idonei a fornire un’adeguata barriera e, al contempo, che garantiscano comfort e respirabilità, forma e aderenza adeguate che permettano di coprire dal mento al di sopra del naso”.

Non sono necessari ulteriori dispositivi di protezione.

Si precisa che le misure di distanziamento messe in atto durante l’attività sportiva all’aperto (di almeno 2 metri) non configurano situazioni di contatto stretto (vd definizione di contatto stretto in allegato 2 della Circolare del Ministero della Salute del 9 marzo 2020).

Si ribadisce che solo nel corso della prestazione sportiva, il partecipante potrà togliere la mascherina assicurando però, per tutto Il periodo dello stesso, la distanza di sicurezza di almeno 2 metri dai propri compagni e premurandosi di indossarla prontamente nella sfortunata imprevista ipotesi di frangenti in cui l’affollamento dei luoghi non garantisca in toto tale distanza.

Eventuali soggetti che dovessero manifestare una sintomatologia respiratoria e febbre verranno immediatamente isolati e invitati a rientrare presso la propria abitazione e contattare il proprio medico di base.

INDICAZIONI DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE

Le misure di prevenzione e protezione di cui al presente documento verranno comunicate preventivamente agli iscritti unitamente al calendario generale di allenamento e allo stato di tesseramento, a tutti i potenziali interessati verranno comunicate in sede di iscrizione dalla segreteria LILT della sezione, saranno inoltre rese pubbliche sul sito della sezione.

È importante sottolineare che le misure di prevenzione e protezione indicate contano sul senso di responsabilità di tutti nel rispetto delle misure igieniche e del distanziamento e sulla collaborazione attiva nel continuare a mettere in pratica i comportamenti previsti per il contrasto alla diffusione dell’epidemia.

SCARICA IL MODELLO DI AUTOCERTIFICAZIONE (Allegato 1)

Emergenza coronavirus, la Lilt Crotone verso la riapertura dell’attività ambulatoriale in sicurezza

Claudio Carallo, dirigente medico di medicina interna presso l’azienda ospedaliera universitaria Mater domini di Catanzaro, esperto di Covid 19, entra a far parte della squadra di volontari della sezione provinciale di di Crotone della Lilt, Lega italiana per la lotta ai tumori. Carallo supporterà la Lilt, in questa fase di emergenza coronavirus, per consentire la riapertura dell’attività ambulatoriale della sede di Crotone in sicurezza. Carallo, nei mesi scorsi,ha aderito come volontario alla richiesta della Protezione Civile che ha reclutato in tutto il territorio nazionale medici da inviare nelle zone più colpite dal coronavirus, ed è stato assegnato al centro Covid di Trento, dove ha operato, anche come ricercatore. Ora, grazie a questa nuova sinergia con la Lilt di Crotone, presterà la sua opera di volontariato sia per attuare tutti i protocolli sanitari anti Covid sia come ricercatore per supportare la sezione su attività e progetti scientifici.
“Siamo molto contenti di questa nuova collaborazione- ha dichiarato Patrizia Pagliuso, presidente Lilt Crotone – che va ad arricchire la nostra squadra di volontari. Stiamo mettendo in atto tutto quanto richiesto a livello nazionale e regionale per riaprire al più presto l’attività di screening. In questi mesi ci siamo tutti concentrati sul virus ma non dobbiamo dimenticare la prevenzione secondaria, arma vincente per battere sul tempo i tumori. Entro la fine del mese contiamo di riaprire in sicurezza il nostro poliambulatorio”.

Emergenza Coronavirus, Lilt Crotone dona alla Caritas kit di olio evo

Crotone. La sezione provinciale di Crotone della Lilt, Lega italiana lotta ai tumori, raccoglie l’invito lanciato, nei giorni scorsi, dal nostro presidente nazionale Lilt, Francesco Schittulli, e destina l’olio evo della Settimana nazionale per la prevenzione oncologica alla Caritas diocesana. La Snpo doveva tenersi a fine marzo, ma a causa dell’emergenza sanitaria in corso è saltata. La settimana nazionale per la prevenzione oncologica è, da sempre, una campagna promossa dalla Lilt, a livello nazionale e territoriale, volta alla promozione di sana alimentazione e corretti stili di vita. Testimonial della Snpo è l’olio evo, alimento principe nella lotta ai tumori, che viene distribuito dai volontari Lilt in quella settimana. La Lilt di Crotone ha subito recepito l’invito del presidente Nazionale, prof. Schittulli, dando un messaggio di solidarietà e vicinanza alla popolazione in questo momento così difficile. La presidenza provinciale della Lilt Crotone si è, pertanto, messa in contatto con Don Rino Le Pera, responsabile della Caritas diocesana, che stamattina si è recato presso la nostra sede per ritirare i kit. In tutto sono state donate 240 bottiglie di olio evo che saranno devolute alla popolazione tramite la Caritas cittadina.

 

Coronavirus, Lilt Crotone attiva sui social supporto nutrizionale e psicologico per i pazienti oncologici

Crotone, In piena emergenza Coronavirus la sezione provinciale di Crotone della Lilt, Lega italiana per la lotta ai tumori, attiva sui social supporto nutrizionale e psicologico per i pazienti oncologici. Attraverso la pagina Lilt Crotone,
https://www.facebook.com/LiltKr/?eid=ARB4gio1C3TMhHzNzVGX9YwoUNZa2m3VozkFi6imEjJRe593JYTxLyLVoRKk4tSf4L86Boo01NaB2DDT,
inviando un messaggio si potranno contattare i nostri esperti che risponderanno in tempo reale. A dare consigli nutrizionali sarà Michela Zizza, nutrizionista, mentre si potrà fare riferimento a Tonia Colella, psicologa e membro del direttivo Lilt Crotone, per il supporto psicologico.
L’infezione da Coronavirus fa paura a tutti ma ancor di più a chi sta combattendo, ad esempio, contro un tumore. Purtroppo diversi pazienti oncologici stanno rinviando i prescritti trattamenti specialisti per timore di contrarre il virus.
«Il paziente non deve dimenticare che curare il cancro è prioritario»ha ricordato Francesco Schittulli, Presidente nazionale della Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori (LILT). Se si decide in autonomia di sospendere e rimandare le relative cure si rischia di compromettere il percorso di un efficace trattamento oncologico. Chi ha un tumore ha sicuramente l’organismo più vulnerabile, certo, ma seguire la terapia è essenziale, anche di questi tempi. «I pazienti devono seguire le linee guida emanate dal Ministero della Salute, come fare maggiore attenzione alle norme igieniche e adottare le misure di sicurezza stabilite, affidandosi alla qualificata professionalità e competenza dei propri oncologi». Il consiglio, dunque, è quello di fare sempre riferimento al proprio specialista. Ma se seguire la terapia è di vitale importanza, lo è anche continuare a dare supporto psicologico e nutrizionale. Accedere al servizio è semplicissimo, basta mettere Mi piace alla pagina Facebook e inviare un messaggio alla pagina e i nostri esperti risponderanno.